Processo civile telematico e registrazione al ReGIndE

 Il 24 giugno 2014 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge n. 90/2014 "Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l'efficienza degli uffici giudiziari". Il D.L. n. 90/2014 ha apportato alcune modifiche alla normativa sul processo civile telematico tra cui, a far data dal 30/06/2014, l’obbligo, in ogni procedimento civile di competenza del tribunale ordinario, di depositare gli atti mediante trasmissione telematica.
Inoltre il Ministero di Giustizia, con D.M. 21/02/2011 n. 44, ha istituto il Registro Generale degli Indirizzi Elettronici (ReGIndE) dove sono presenti
tutti i dati identificativi compreso gli indirizzi di posta elettronica certificata (PEC) dei soggetti abilitati esterni cioè gli appartenenti ad un ente pubblico, i professionisti iscritti in Albi istituiti con legge, ausiliari del giudice non appartenenti ad un ordine di categoria o che appartengono ad ente/ordine professionale che non abbia ancora inviato l’albo al Ministero della giustizia.
I CUT dovranno disporre di:

  •  Indirizzo di posta elettronica certificata
  •  Firma digitale
  •  Iscrizione nel ReGIndE
  •  Un software per la redazione della busta telematica.

L’Ordine dei Chimici della Toscana si è attivato per l’invio degli indirizzi di posta elettronica certificata dei propri iscritti che risultano negli albi dei CTU.
La variazione dell’indirizzo PEC deve essere comunicata all’Ordine che provvederà all’aggiornamento.
Si ricorda che il CNC ha sottoscritto un protocollo di intesa con la società GEOWEB spa per la fornitura di una serie di servizi telematici tra cui “punti di accesso al processo civile telematico, consentendo il deposito degli atti, la gestione dei fascicoli, dei documenti, delle comunicazioni e dei pagamenti”.

Allegati:
Scarica questo file (DL 90-2014.pdf)DL 90-2014.pdf[ ]224 kB2015-07-02 10:102015-07-02 10:10
Scarica questo file (DM 44-2011.pdf)DM 44-2011.pdf[ ]72 kB2015-07-02 10:102015-07-02 10:10